Filtraggio per: HTTP Practical Demonstration x cancella
compliance

Industry changes to file-based DCV (HTTP Practical Demonstration, file auth, file, HTTP token, and HTTP auth)

To comply with new industry standards for the file-based domain control validation (DCV) method, you can only use the file-based DCV to demonstrate control over fully qualified domain names (FQDNs), exactly as named.

To learn more about the industry change, see Domain validation policy changes in 2021.

How does this affect me?

As of November 16, 2021, you must use one of the other supported DCV methods, such as Email, DNS TXT, and CNAME, to:

  • Validate wildcard domains (*.example.com)
  • To include subdomains in the domain validation when validating the higher-level domain. For example, if you want to cover www.example.com, when you validate the higher-level domain, example.com.
  • Prevalidate entire domains and subdomains.

To learn more about the supported DCV method for DV, OV, and EV certificate requests:

compliance

CertCentral: Pending certificate requests and domain prevalidation using file-based DCV

Pending certificate request

If you have a pending certificate request with incomplete file-based DCV checks, you may need to switch DCV methods* or use the file-based DCV method to demonstrate control over every fully qualified domain name, exactly as named, on the request.

*Note: For certificate requests with incomplete file-based DCV checks for wildcard domains, you must use a different DCV method.

To learn more about the supported DCV methods for DV, OV, and EV certificate requests:

Domain prevalidation

If you plan to use the file-based DCV method to prevalidate an entire domain or entire subdomain, you must use a different DCV method.

To learn more about the supported DCV methods for domain prevalidation, see Supported domain control validation (DCV) methods for domain prevalidation.

compliance

CertCentral Services API

If you use the CertCentral Services API to order certificates or submit domains for prevalidation using file-based DCV (http-token), this change may affect your API integrations. To learn more, visit File-based domain control validation (http-token).

enhancement

CertCentral: Controlli DCV automatici – Polling DCV

Siamo lieti di annunciare che abbiamo migliorato il processo di convalida del controllo del dominio (DCV) e abbiamo aggiunto le verifiche automatiche per i metodi DNS TXT, DNS CNAME e HTTP con dimostrazione pratica HTTP (FileAuth) DCV.

Ciò significa che, una volta posizionato il file fileauth.txt file sul tuo dominio o aggiunto il valore casuale ai tuoi record DNS TXT o DNS CNAME, non devi preoccuparti di accedere a CertCentral per eseguire la verifica in autonomia. Eseguiremo automaticamente la verifica DCV. Ciò nonostante, puoi ancora eseguire una verifica manuale, quando necessario.

Cadenza del polling DCV

Dopo aver inviato l’ordine di certificato SSL/TLS pubblico, l’invio di un dominio per la preconvalida o la modifica del metodo DCV per un dominio, il polling DCV inizia immediatamente l’esecuzione per una settimana.

  • Intervallo 1 — Ogni minuto per i primi 15 minuti
  • Intervallo 2 — Ogni cinque minuti per un’ora
  • Intervallo 3 — Ogni quindici minuti per quattro ore
  • Intervallo 4 — Ogni ora per un giorno
  • Intervallo 5 — Ogni quattro ore per una settimana*

*Dopo l’Intervallo 5, interrompiamo la verifica. Se non hai posizionato il file fileaut.txt sul tuo dominio o aggiunto il valore casuale ai tuoi record DNS TXT o DNS CNAME entro la fine della prima settimana, dovrai eseguire la verifica in autonomia.

Per ulteriori informazioni sui metodi DCV supportati:

compliance

Modifica degli standard di settore

A partire dal 31 luglio 2019 (19:30 UTC), devi usare il metodo DCV Dimostrazione pratica HTTP per dimostrare il controllo sugli indirizzi IP indicati sui tuoi ordini di certificato.

Per ulteriori informazioni sul metodo DCV Dimostrazione pratica HTTP, fai riferimento a queste istruzioni:

Attualmente, gli standard di settore vengono usati per consentirti di usare altri metodi DCV per dimostrare il controllo sul tuo indirizzo IP. Tuttavia, con il passaggio della Scheda SC7, le regolazioni per la convalida degli indirizzi IP sono cambiate.

Scheda SC7: Aggiorna i metodi di convalida dell’indirizzo IP

Questa scheda ridefinisce i processi consentiti e le procedure per la convalida del controllo del cliente di un indirizzo IP elencato in un certificato. Le modifiche della conformità per la Scheda SC7 entrano in vigore il 31 luglio 2019 (19:30 UTC).

Per rimanere conformi, a partire dal 31 luglio 2019 (19:30 UTC), DigiCert consente ai clienti di usare solo il metodo DCV Dimostrazione pratica HTTP per convalidare i loro indirizzi IP.

Rimozione del supporto per IPv6

A partire dal 31 luglio 2019 (19:30 UTC), DigiCert ha rimosso il supporto per i certificati per gli indirizzi IPv6. A causa delle limitazioni server, DigiCert non è in grado di arrivare all’indirizzo IPv6 per verificare il file che si trova sul sito web del cliente per il metodo DCV Dimostrazione pratica HTTP.